Alla Bottega del libro arriva “Fiammetta” Sabato 21 maggio la scrittrice Emanuela Ersilia Abbadessa presenta il suo nuovo romanzo. Protagonista una giovane donna di fine Ottocento dalla mentalità moderna

Tra le scrittrici della rassegna Le pagine di Clio più attese alla Bottega del libro c’è Emanuela Ersilia Abbadessa, catanese di nascita, ma residente a Savona. Esperta di musica, ha insegnato Storia della Musica alla Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università di Catania, ha lavorato presso il Museo Belliniano di Catania e collabora con il Teatro Massimo Vincenzo Bellini di Catania; ha inoltre al suo attivo circa settanta saggi di argomento musicologico.Scrive per quotidiani e periodici.Il suo romanzo di esordio,Capo Scirocco, (Rizzoli, 2013) ha vinto il Premio Rapallo-Carige 2013 per la Donna Scrittrice e il Premio Letterario Internazionale Isola d’Elba R. Brignetti.

Quest’anno è uscito il suo secondo lavoro, Fiammetta,edito sempre da Rizzoli, ambientato tra la Toscana e la Sicilia, terra natia che torna a far da sfondo alle vicende dei personaggi. Così la scrittrice descrive il suo rapporto con la sua terra d’origine: «non sono andata via dalla Sicilia nella migliore condizione di spirito e continuo a fare fatica a tornarci, pur amandola molto. Scrivo spesso di Sicilia semplicemente perché credo di conoscerla e quindi mi risulta più naturale farlo».

Siamo a fine Ottocento. Protagonista assoluta del romanzo, che la scrittrice ha disseminato di riferimenti letterari, da Una stanza tuttaper sé di Virginia Woolf a Cuore di Edmondo De Amicis, da Paradiso perduto di John Milton alle Sorelle Materassi di Aldo Palazzeschi, è la giovane maestra Fiammetta Renzi, figura letteraria molto ben riuscita, che l’autrice descrive con questi tre aggettivi: sognatrice, romantica, immatura.

Pur essendo un personaggio di fantasia, Fiammetta, rivela Abbadessa, «è molto liberamente ispirata alla figura di Giselda Fojanesi, una maestra aretina che sposò il poeta catanese Mario Rapisardi ed ebbe una relazione con Giovanni Verga. Era stimata nel panorama culturale nazionale e aveva metodi di insegnamento premontessoriani».

Determinata a voler essere indipendente, Fiammetta coltiva idee moderne, crede che le donne debbano essere sempre libere di costruirsi il proprio destino; sente che il mondo intorno a lei sta cambiando. E anche molto in fretta: dall’Inghilterra giungeva notizia di una vera e propria organizzazione attivista femminile. Occorreva dunque essere pronte, perché la vita, di questo Fiammetta era fermamente convinta, si preparava a offrire anche alle donne nuove possibilità. Del suo spasimante non le importa niente;pensa solo ai suoi alunni e alla letteratura: nella sua umile abitazione si diletta infatti di poesia e legge i componimenti del poeta siciliano Velastro. Un giorno proprio lui, Mario Valastro, tiene una conferenza in città. Quando finalmente ce l’ha di fronte, Fiammetta tira fuori tutto il proprio carattere. E lui si sente attratto da questa donna minuta e sfrontata, la cui sensualità è nascosta come la ciocca rosso vermiglio tra i suoi capelli. Tornato a Catania, il poeta non si riconosce più. Aspetta le lettere di Fiammetta e non si cura della madre e della zia, le temibili sorelle Strazzeri. Possibile che lui, che di una moglie non voleva saperne, si sia innamorato? Anche Fiammetta è stupita: per lei una donna deve essere libera di costruire il suo destino e mai avrebbe immaginato di mettere il suo nelle mani di un uomo, ma l’amore ha la meglio e, dopo qualche mese di lettere infuocate, i due decidono di sposarsi.Arrivata a Catania, Fiammetta ancora non sa cosa l’aspetta nella casa in cui andrà a vivere con il marito: due donne che faranno di tutto per rovinare il rapporto tra lei e Mario. Stretta tra le cattiverie delle vecchie di casa Valastro e le incomprensioni con il marito, Fiammetta dovrà fare i conti con se stessa e con le sue idee libertarie, ma anche con una tentazione cui è difficile resistere…

Definire semplicemente Fiammetta un romanzo d’amore sarebbe riduttivo: «sì, nel mio romanzo ci sono le corna, l’amore, i versi, il matrimonio sbagliato, ma in realtà a me interessava solo continuare la mia di strada e raccontare gli esiti infausti delle passioni sbagliate, di quando all’interno di una coppia si alterano gli equilibri di potere. Perché è di rapporti di potere che mi piace parlare», dice infatti l’autrice. C’è soprattutto l’ampio respiro dato alla figura femminile della protagonista, che riflette, e fa riflettere, sulla condizione femminile. E se è vero, per l’autrice, che dall’Ottocento ad oggi in questo senso molte cose sono cambiate, «la donna ha conquistato molti dei giusti spazi che prima le erano preclusi; la parità totale, sul lavoro soprattutto, non esiste ancora, ma certo che in un secolo la situazione è decisamente diversa», quello che invece non cambia nel tempo sono le dinamiche di coppia, perché «l’animo umano non cambia come le mode», parola di Abbadessa.

Presentazione del libro Fiammetta di Emanuela Ersilia Abbadessa
Sabato 21 maggio, ore 17.00
Bottega del libro, via Bourdillon 11, Cernusco sul Naviglio

Conduce la scrittrice Loredana Limone

a cura di Serena Perego

Be the first to comment on "Alla Bottega del libro arriva “Fiammetta” Sabato 21 maggio la scrittrice Emanuela Ersilia Abbadessa presenta il suo nuovo romanzo. Protagonista una giovane donna di fine Ottocento dalla mentalità moderna"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*