Le Giornate Europee del Patrimonio a Cernusco: intervista all’Assessore alla Cultura Rita Zecchini

Anche quest’anno il Comune di Cernusco si pone in prima fila nell’organizzazione delle “Giornate Europee del Patrimonio”, che hanno come scopo primario la conoscenza e la valorizzazione dei Beni culturali. Due settimane, dal 23 settembre al 16 ottobre, ricche di eventi e iniziative che avranno come protagonisti i luoghi più significativi del nostro patrimonio storico-artistico e i soggetti più attivamente impegnati in ambito culturale nel nostro territorio.

Si parte oggi, venerdì 23 settembre, con un incontro serale, alle ore 21.00, in Biblioteca, sul tema “Il Naviglio Martesana – Luogo del cuore”, con Stefano Barlassina, responsabile del “Gruppo Fai Martesana” e Matteo Zerbi, coordinatore del” Comitato per il Naviglio Martesana Luogo del Cuore”. Sabato 24 il Naviglio sarà ancora al centro dell’attenzione, con “Habitat Scenari Possibili”, una rassegna di interventi artistici lungo il Naviglio sulle opere dell’evento di arte contemporanea “Ecoismi 2016- Tutto Scorre”. Chiuderà la giornata un concerto della Banda di Cernusco nel Cortile d’Onore di Villa Greppi, o, in caso di maltempo, all’Auditorium della Casa delle Arti, alle ore 21.00.

Sabato 24 e domenica 25, dalle ore 9.30 alle 11.00 e dalle 14.30 alle 15.30, si svolgeranno visite guidate a Villa Alari, Villa Uboldo e ai luoghi più significativi del centro storico, in collaborazione con il “Gruppo Fai Martesana” e gli allievi del Liceo classico I.T.S.O.S. “Marie Curie”.

Altre visite guidate, “Nel cuore di Cernusco sul Naviglio”, si terranno sabato 8 ottobre alle ore 10.00, con Mauro Raimondi e Elisabetta Ferrario, che alle 17.00 dello stesso giorno presenteranno la loro guida turistica su Cernusco.

Il Naviglio tornerà protagonista con la presentazione di un altro libro, quello di Giorgio e Serena Perego,La leggenda del Naviglio della Martesana, che si terrà alle ore 16.00 di sabato 1 ottobre e sarà arricchita da un’improvvisazione musicale a cura della Scuola Civica di Musica edalla mostra fotografica “Il Naviglio per immagini”, di Pierangelo Brambilla.

Di alto livello anche la programmazione musicale: in Villa Alari saranno ospitati domenica 25, alle ore 17.30, un “Concerto per Milano e la Martesana”, con musiche di Debussy, Chopin, Schumann, Rachmaninov e domenica 9 ottobre, alle ore 11.00, il “Festival Internazionale di Chitarra”. Presso la Casa delle Arti, invece, domenica 16 ottobre, in chiusura delle Giornate del Patrimonio, alle ore 16.00 si terrà un Festival di Cori Giovanili.

E non è tutto: l’elenco completo delle iniziative è consultabile sul sito del Comune (www.comune.cernuscosulnaviglio.mi.it).

Commentiamo ora il programma e lo spirito dell’iniziativa con l’Assessore alla Cultura Rita Zecchini, che ha gentilmente accettato di rilasciarci questa intervista.

Quest’anno il programma delle “Giornate Europee del Patrimonio” è ancora più ricco, soddisfatta?

Sì, quest’anno sono particolarmente soddisfatta del programma ricco e di qualità – ben 15 eventi – indice di un lavoro che ha saputo costruire collaborazioni con molti studiosi e Associazioni che si occupano di storia, storia dell’arte e di altre arti nella nostra città.

Nel programma di quest’anno si sono concentrate molte competenze, che penso sia fondamentale valorizzare e far conoscere i nostri concittadini: storici, storici dell’arte, scrittori, musicisti, ciascuno dei quali esprime nel proprio campo l’importanza del valore della cultura, che deve essere considerata patrimonio dell’umanità.

Villa Alari sarà al centro dell’attenzione, come location di vari eventi e luogo di visite guidate. Come commenti la sua importanza per la nostra città?

Le numerose visite guidate a Villa Alari, sapientemente gestite dal FAI e dai molti volontari, hanno visto partecipare centinaia di persone in questi ultimi anni e hanno fatto sì che essa fosse sempre più conosciuta nel suo valore storico, artistico ed architettonico. Ma, oltre alle visite, mi preme sottolineare che sono ormai davvero tanti gli eventi culturali che sono stati organizzati in Villa: dalle“Matinee musicali”, ai concerti Jazz, ai concerti estivi, fino alle presentazioni di libri e alle mostre di fotografie. Insomma, diciamo che in qualche modo, come Amministrazione Comunale, in particolare come Assessorato alle Culture, si è preparato un terreno che speriamo possa al più presto rendere stabile e permanente un suo utilizzo per finalità culturali. Del resto, è ormai ufficiale, l’Amministrazione Comunale sta siglando un accordo di programma con Regione Lombardia, per un valore totale di circa 2 milioni di euri, per il restauro del parco, delle facciate, del tetto e della Cappella.

Molta attenzione mi sembra sia stata riservata anche al Naviglio, che sarà protagonista di diversi eventi, dalla presentazione del libro di Giorgio e Serena Perego, alla mostra fotografica di Pierangelo Brambilla,fino alle installazioni artistiche sulle opere di “Ecoismi”, giusto?

Sì, certo. Oltre a palazzi e Ville, la nostra città ha un importante elemento che la caratterizza e ne traccia la Storia: il Naviglio, che oltre a rendere piacevole ed armonica la città, ci ricorda l’importanza della sua realizzazione per lo sviluppo e l’economia della Martesana e per costruire un legame tra i vari Comuni.

Anche il Naviglio, quindi, va ritenuto come Bene culturale e paesaggistico da tutelare e valorizzare.

Per questo la scelta di presentare in Villa Alari il libro di Giorgio e Serena Perego, La leggenda del Naviglio della Martesana, che, attraverso un’antica leggenda, valorizza le bellezze del nostro territorio.

Bisogna ricordare poi che quest’anno, per la prima volta, sette Comuni sull’asse della Martesana hanno partecipato alla manifestazione “Ecoismi”, che visto la realizzazione di opere di arte contemporanea, selezionate attraverso un concorso internazionale, proprio lungo il Naviglio.

Avete puntato soprattutto sulla musica, l’arte e le visite guidate, tre ingredienti fondamentali della politica culturale di questa Amministrazione.

Sì, arte, musica e visite guidate saranno gli elementi caratteristici anche di queste “Giornate del Patrimonio”. Ci tengo particolarmente a sottolineare che ospiteremo il primo “Festival della Chitarra”, un Festival di cori giovanili e un concerto dedicato a Milano e alla Martesana con musiche di Debussy, Chopin, Shumanne Rachmaninov.

Anche in questa occasione vi siete avvalsi della collaborazionedel “Gruppo Fai Martesana” e degli studenti dell’Itsos, che immagino si sia ancora una volta rivelata preziosa.

Assolutamente sì. Sull’importanza della cooperazione con “Gruppo Fai Martesana” non si discute e la collaborazione che ormai due anni fa abbiamo siglato tra il Comune e l’ITSOS è uno dei risultati più interessanti che si possano realizzare nella relazione tra scuole e territorio. I giovani studenti dell’indirizzo classico, insieme alle loro docenti, hanno lavorato molto seriamente e sono stati coinvolti in diverse manifestazioni culturali: oltre alle già citate visite guidate, hanno realizzato interventi in occasione della consegna delle Costituzioni ai giovani diciottenni, letture in Biblioteca e durante il Book Festival Bar, oltre ad aver partecipato ad importanti manifestazioni letterarie, come il “Liceo in giallo”.

Penso che la partecipazione degli studenti agli eventi culturali sia davvero una buona pratica, che testimonia inoltre quanto alto sia il livello delle nostre scuole e quanto sia importante coinvolgere i giovani nella conoscenza e tutela dei nostri Beni culturali.

Infine, come Assessore alla Cultura, quali dichiarazioni vuoi rilasciare in merito all’importanza delle “Giornate del Patrimonio” per la nostra città?

Le “Giornate Europee del Patrimonio” hanno come scopo primario la conoscenza e la valorizzazione dei Beni culturali. Penso perciò sia dovere di un’Amministrazione Pubblica prendersi il compito di estendere sempre più la conoscenza di questi Beni, in quanto la cultura è un bene da preservare e rendere accessibile a tutti e sul quale occorre investire, perché appartiene alla nostra Storia, definisce la nostra identità di comunità e contribuisce a costruirne il domani.

a cura di Serena Perego

Be the first to comment on "Le Giornate Europee del Patrimonio a Cernusco: intervista all’Assessore alla Cultura Rita Zecchini"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*