Maturità 2016 – La notte prima degli esami tra ansie e ricordi

“Notte prima degli esami, notte di lacrime e preghiere”, così cantava Antonello Venditti in un suo celebre brano. Chissà quanti studenti non riuscendo a chiudere occhio in vista della prima prova di italiano, in programma domani mercoledì 22 giugno, prenderanno le loro cuffie e canticchieranno questo ritornello. Altri invece preferiranno tuffarsi sui libri, in uno studio matto e disperatissimo come quello tanto caro al poeta Giacomo Leopardi; c’è chi infine continuerà inesorabile a cercare in rete le possibili tracce dei temi: come è emerso da una ricerca commissionata dalla Polizia al portale Skuola net su un campione di 2700 ragazzi del quinto anno, ben 1 su 7 è convinto di poter scoprire in anticipo le tracce su internet… solo illusioni!

Sarà comunque una notte magica, forse insonne ma che resterà impressa per sempre nelle menti di ognuno. Ansie e paure sembreranno prendere il sopravvento, la frase “non ce la posso fare”, ripetuta in continuazione, lascerà pian piano il posto a “sono arrivato fin qui, ce la devo fare”.

Basterà un solo istante e i ricordi degli ultimi anni cominceranno a riaffiorare. In quella classe siamo cresciuti e cambiati: tra quei banchi sono nate amicizie, i primi amori, ci siamo arrabbiati per quel voto ingiusto con quel professore, abbiamo incrociato le dita per sperare di non essere interrogati e vissuto esperienze uniche. Abbiamo semplicemente sofferto e gioito insieme ai nostri compagni.

Una delle pagine più belle della vita sta per arrivare ai titoli di coda, capiterà in futuro di ripensare a quei momenti e un sorriso sicuramente si stamperà sul volto.

… In bocca al lupo maturandi!

Be the first to comment on "Maturità 2016 – La notte prima degli esami tra ansie e ricordi"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*