Nidi Gratis e Reddito di autonomia 2016

Con la DGR n. 5096 del 29 aprile 2016 (Burl SEO del 04.05.2016) Regione Lombardia definisce criteri e modalità per beneficiare della misura NIDI GRATIS.

Con questa misura, a partire da  maggio 2016, vengono azzerate le rette pagate dalla famiglia per i nidi pubblici o per i posti in nidi privati convenzionati con il pubblico, ad integrazione dell’abbattimento già riconosciuto dai Comuni. In questo modo si favorisce l’inserimento dei bambini al nido, si promuove l’occupazione delle mamme in ottica di conciliazione famiglia lavoro.

La misura è rivolta alle famiglie che hanno i seguenti requisiti:

  • minori da 3 a 36 mesi
  • indicatore ISEE di riferimento uguale o inferiore a 20.000 euro
  • residenza in Lombardia per entrambi i genitori di cui almeno uno residente da 5 anni continuativi. I genitori devono lavorare o fruire di percorsi di politica attiva del lavoro (es. Dote Unica Lavoro o Garanzia Giovani).

PER INFORMAZIONI:

  • PER LE FAMIGLIE :  le famiglie per avere informazioni sulla misura e come accedervi fanno riferimento al Comune di residenza.
  • PER I COMUNI: a seguito della firma del Protocollo d’intesa tra Anci Lombardia e Regione Lombardia inerente alla misura “Nidi Gratis”, Anci Lombardia ha realizzato le attività previste per supportare le Amministrazioni locali. Nel mese di maggio Anci Lombardia in collaborazione con Regione Lombardia hanno organizzato dei seminari sulla misura NIDI GRATIS rivolti alle Amministrazioni Locali al fine di essere adeguatamente informati per applicare quanto stabilito dal provvedimento regionale e dare le indicazioni operative necessarie per aderire alla misura. Inoltre sul sito www.nidigratis.it  le Amministrazioni Locali troveranno un numero verde di riferimento e le modalità per aderire alla misura e accedere al gestionale.

Ricordiamo che il comune di Cernusco s/n ha subito aderito alla misura NidiGratis.
Il Call Center Regionale 800.318.318 è a disposizione per le informazioni ai cittadini su tutte le misure del Reddito di Autonomia 2016

Reddito di autonomia 2016

Con la delibera n. 5060 del 18 aprile 2016 sono state approvate le misure dell’iniziativa “Reddito di Autonomia 2016″ che vogliono essere parte di una nuova politica sociale per favorire l’autonomia delle persone e garantire opportunità reali di inclusione sociale e non solo azioni di integrazione al reddito.
Il programma “Reddito di Autonomia” rappresenta un primo esempio di politiche integrate che vedono al centro le persone e le famiglie, riconoscendo ai soggetti in difficoltà ulteriori opportunità di accesso alle prestazioni in ambito sanitario, sociale, abitativo e di ricerca attiva del lavoro.
L’intervento regionale intende sviluppare misure complementari alle iniziative programmate dallo Stato in risposta a condizioni di povertà assoluta e, nello stesso tempo, sussidiarie con la rete regionale degli interventi e dei servizi attivati sul territorio dagli Enti locali.
Qui di seguito il dettaglio delle cinque misure previste per quest’anno e i requisiti per accedervi.

PER LE FAMIGLIE

“Esenzione super ticket” sulle prestazioni sanitarie di specialistica ambulatoriale
Requisiti: reddito familiare annuo lordo fino a 18.000 euro.
Decorrenza: avviata a ottobre 2015 prosegue per tutto il 2016.
Modalità di accesso: autocertificazione del reddito, per sé e per i familiari a carico, presso l’ATS di competenza territoriale che rilascerà l’attestazione di esenzione (codice di esenzione E15).
Per approfondimenti: visita il sito della Direzione Welfare
“Bonus famiglia” per sostenere la maternità e i percorsi di crescita dei nuovi nati

In cosa consiste: 150 euro al mese (per i 6 mesi precedenti la nascita del bambino e per  i 6 mesi successivi alla nascita) fino ad un massimo di 1.800 euro. In caso di adozione, 150 euro al mese dall’ingresso del bambino in famiglia, fino ad un massimo di 900 euro.
Requisiti: per presentare la domanda la madre deve essere in stato di gravidanza o aver partorito nel mese di maggio (i parti avvenuti in un periodo precedente non potranno essere presi in considerazione) ed essere in possesso di un indicatore ISEE di riferimento uguale o inferiore a 20.000 euro. E’ inoltre richiesta la residenza in Lombardia per entrambi i genitori di cui almeno uno per 5 anni continuativi.
Modalità di accesso: presentazione della domanda online a partire dal 1° giugno 2016 sul sito www.siage.regione.lombardia.it
Per approfondimenti: visita il sito della Direzione Reddito di Autonomia
“Nidi gratis”

In cosa consiste: azzeramento della retta pagata dalla famiglia per i nidi pubblici o per i posti in nidi privati convenzionati con il pubblico, ad integrazione dell’abbattimento già riconosciuto dai Comuni.
Requisiti: famiglie con minori da 3 a 36 mesi, indicatore ISEE di riferimento uguale o inferiore a 20.000 euro e residenza in Lombardia per entrambi i genitori di cui almeno uno residente da 5 anni continuativi. I genitori devono lavorare o fruire di percorsi di politica attiva del lavoro (es. Dote Unica Lavoro o Garanzia Giovani).
Decorrenza: da maggio 2016.
Modalità di accesso: attraverso il Comune di riferimento, purchè questo abbia aderito all’iniziativa.
Per approfondimenti: visita il sito della Direzione Reddito di Autonomia
PER GLI ANZIANI E I DISABILI

“Voucher autonomia” per anziani e disabili

In cosa consiste: voucher del valore di 400 euro al mese per 12 mesi.
Beneficiari: anziani, di età superiore a 75 anni con compromissione funzionale lieve e persone con disabilità intellettiva o con esiti da traumi o patologie invalidanti di età superiore a 16 anni.
Requisiti: indicatore ISEE di riferimento uguale o inferiore a 20.000 euro.
Decorrenza: nel mese di giugno 2016 verranno emanati appositi bandi.
PER I DISOCCUPATI

“Progetto di Inserimento Lavorativo – PIL”

In cosa consiste: fino ad un massimo di 1.800 euro in 6 mesi a titolo di indennità di partecipazione, per la fruizione di servizi di politica attiva di orientamento, accompagnamento e formazione previsti da Dote Unica Lavoro.
Beneficiari: disoccupati da più di 36 mesi, non percettori di alcuna integrazione al reddito, che partecipano al percorso di Dote Unica Lavoro.
Requisiti: indicatore ISEE di riferimento uguale o inferiore a 20.000 euro.
Modalità di accesso: attraverso gli Operatori accreditati, a seguito dell’attivazione della misura di politica attiva di orientamento, accompagnamento e formazione denominata “Dote Unica Lavoro”.
Per approfondimenti: visita il sito della Direzione Istruzione, Formazione e Lavoro

a cura di Francesco Inzitari
francesco@pcfeditoriale.it

Be the first to comment on "Nidi Gratis e Reddito di autonomia 2016"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*