Un successo la Giornata di scuola aperta della Secondaria di Piazza Unità d’Italia

Sabato 14 gennaio si è svolta la Giornata di scuola aperta della Secondaria di Piazza Unità d’Italia, da qualche anno a questa parte una bella occasione per la scuola di farsi conoscere meglio dai bambini di quinta elementare e dai genitori dei ragazzi che la frequentano, coinvolgendo in prima persona tutti gli studenti nelle varie attività proposte.

La Giornata di scuola aperta è stata organizzata da una Commissione mista, formata da docenti di varie discipline, coordinate dal Dirigente scolastico Annalisa Silvestri. Ne fanno parte le insegnanti di Lettere Barbara Leoncini, Collaboratrice del Dirigente; Paola Guidi, vera e propria organizzatrice, in quanto Responsabile funzione strumentale per la continuità; Emanuela Liberatore e Anna Pastoressa, l’insegnante di religione e Responsabile di plesso Annamaria Corongiu, l’insegnante di Tecnologia Patrizia Cambieri e le insegnanti di Sport Maura Clerici e Cosetta Conti.

La prima parte della giornata, dalle 8.30 alle 11.45, è stata dedicata alla visita dei bambini di quinta elementare delle scuole cernuschesi, e non solo (alcune famiglie sono arrivate infatti anche da fuori città).

Divisi in gruppi, i bambini sono stati guidati dagli alunni di terza media in un percorso tra diverse aree della scuola.

In palestra hanno assistito a uno spettacolo di danze popolari in cui si sono esibiti vari studenti, insieme alle professoresse di Tecnologia e Sport Rosella Comi e Maura Clerici. In seguito, anche i giovani ospiti e le loro famiglie sono stati coinvolti nelle danze.

Nella cosiddetta “area innovazione”, nata in seguito a un percorso iniziato dopo l’emanazione delle normative ministeriali che prevedono lo sviluppo nelle scuole delle competenze digitali e la figura dell’animatore digitale (per la scuola in questione la professoressa Anna Pastoressa), i ragazzi hanno mostrato ai “colleghi” più piccoli come sia possibile applicare le nuove tecnologie a tutte le materie. È stato inoltre presentato il laboratorio “Girls code it better”, condotto dalle maestre Monica Tamburrini e Giuseppina Di Maggio, che mira a sviluppare le competenze digitali nelle ragazze, e sono state mostrate le lampade in legno realizzate dagli studenti della classe 3D in collaborazione con i ricercatori del Politecnico di Milano. Presso la postazione di religione le tre terze della professoressa Annamaria Corongiu hanno esposto i loro lavori sul tema della religione nel mondo, creati con il metodo del cooperative learning e, nel caso di una classe, anche utilizzando il gioco “Minecraft”. Molto soddisfatta la professoressa di religione Corongiu, che sottolinea le potenzialità dei metodi didattici basati sulle nuove tecnologie, in quanto «sono altamente inclusivi e permettono di emergere anche ai ragazzi meno brillanti nella didattica tradizionale».

Sempre restando in tema di tecnologia, presso l’area robotica, si è svolta una dimostrazione con i robottini in dotazione alla scuola, guidata dalla professoressa di Tecnologia Patrizia Cambieri.

Nell’area delle lingue comunitarie, i bambini sono stati invece coinvolti in una serie di giochi interattivi. Infine, hanno avuto modo di ascoltare il coro della scuola, diretto dalla professoressa Bianca Raule, e di prendere parte a laboratori di italiano, storia, geografia e scienze.

L’ultima parte della giornata, dalle 12.00 alle 13.00, è stata invece dedicata ai genitori degli studenti della scuola, come momento per ritrovarsi e mostrare loro il lavoro svolto. Ogni classe ha scelto un’attività da svolgere davanti ai genitori, dal gioco dell’oca vivente, al percorso su Manzoni, a lavori sul tema dell’alimentazione; le attività sono state, insomma, le più svariate.

Inoltre, grazie alla collaborazione di alcuni delegati di classe, nel corso di tutta la mattinata sono stati allestiti due banchetti in cui sono stati venduti oggetti realizzati dai ragazzi, allo scopo di raccogliere fondi da destinare alla scuola del Comune marchigiano terremotato di Acquasanta Terme.

In generale, il bilancio della giornata di scuola aperta è sicuramente positivo: «L’affluenza è stata buona, i docenti sono rimasti soddisfatti, così come i genitori e gli studenti, i quali sono stati bravissimi, hanno dimostrato grande entusiasmo e capacità di rapportarsi bene con i bambini e di coinvolgere i genitori», commenta la professoressa Corongiu.

Anche un ospite d’eccezione, il sindaco Eugenio Comincini, si è recato a visitare la scuola ed è rimasto piacevolmente colpito dalle attività proposte, tanto che ha commentato sulla sua pagina Facebook: «Bello vedere i molti lavoratori sull’innovazione, la robotica, il coding, la storia, l’italiano, la matematica, le scienze, l’arte, l’inclusione, lo sport, l’intercultura. Complimenti ai docenti e ai ragazzi per il loro impegno. A Cernusco c’è una scuola al passo con i tempi».

Be the first to comment on "Un successo la Giornata di scuola aperta della Secondaria di Piazza Unità d’Italia"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*